Blog

Libretto rosario per bambini stampabile

La settimana scorsa ho caricato il Libretto Messa stampabile per bambini, e ho ricevuto molti messaggi di ringraziamento. Tra la mancanza di sussidi per età prescolare e la quarantena forzata, per i bambini seguire la santa Messa non è facile.

Ma, come ogni mamma e ogni cattolico, cerco di trovare il buono sotto la coltre di paura, preoccupazione e dolore che ci attanaglia. Col marito ora molto più presente a casa, abbiamo cominciato a recitare il Rosario ogni sera dopo cena, coinvolgendo anche il bambino più grande. Leone segue con la sua corona del rosario, o contando le preghiere con un abaco fatto in casa, e ora anche con un libretto che gli ho realizzato. Voglio quindi proporlo anche a voi sperando possa esservi utile.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL LIBRETTO

IMG20200329154836

Le immagini sono state realizzate nel 1949 da Ettore Fattori, un artista canadese. I libretti originari  in formato pdf sono disponibili QUI

Come vedete, i disegni sono in bianco e nero, potete quindi stamparli e farli colorare ai bambini. Come per il libretto della Messa, potete stampare due pagine per foglio, ottenendo il formato A5, e inserire le pagine nelle buste del portalistino (io avevo utilizzato un portalistino con 24 buste e, inserendo i fogli dal lato opposto di quello per la Messa si sono riempite tutte alla perfezione). Per ogni mistero, sotto al disegno, c’è il titolo, da ripassare se lo si desidera con il pennarello da lavagna.

Fatemi sapere se vi è stato utile…e che dite, in vista della Settimana Santa realizzo anche la Via Crucis??

Libretto Messa per bambini stampabile

In questo periodo difficile, aggravato per noi cattolici dall’impossibilità di poter assistere alla santa Messa, vorrei donarvi uno strumento utile per i vostri bambini.

Si tratta di un libretto plastificato sulla santa Messa; i bambini potranno seguire tutti i momenti importanti, imparandoli man mano, e ripassare con un pennarello da lavagna (cancellabile) le scritte.

IMG20200322103144

Sono partita da un libretto in francese fornitomi dalla casa editrice IRIS e pubblicato da Clovis, “Le Saint Sacrifice de la Messe” , da cui ho tratto le immagini, semplificando il testo per renderlo più immediato e ricalcabile.

IMG20200322120419

Per realizzare il vostro libretto, scaricate il file in pdf QUI, e stampatelo. Se desiderate un formato A5 (come il mio), nelle opzioni di stampa selezionate “due pagine in una”, poi tagliate i fogli a metà e utilizzate portalistino o buste per A5. Inserite le pagine in un portalistino (o in tante buste trasparenti da quadernone), facendo attenzione che la prima pagina, quella di copertina, sia nella busta iniziale (quella singola, a destra).

Nelle buste rimanenti potete inserire fogli bianchi, o i disegni (ad esempio mio figlio ha disegnato se stesso mentre prega).

IMG_20200322_115732Spero di farvi cosa gradita, e se volete mostratemi i vostri figli all’opera! Condividete per diffondere questo strumento!

Tutorial per mascherine in stoffa

In questo periodo di tensione e preoccupazione, mi sono decisa ad accontentare le tante richieste di realizzare mascherine in stoffa. Sebbene non siano efficaci nella protezione totale dal virus, possono aiutare a non diffondere le proprie goccioline di saliva e proteggerci da quelle altrui, oltre a ricordarci di non mettere le mani in bocca o toccarci la faccia. Inoltre, le mascherine chirurgiche usa e getta stanno terminando quasi ovunque, e per chi non è ammalato e non lavora a stretto contatto col pubblico quelle di stoffa sono una buona alternativa.
Per aiutare quante più persone possibili, ho deciso di condividere questo tutorial per poterne a vostra volta realizzarne, sia nella versione con flanella cucita, che a tasca per inserire filtri usa e getta.



Mi sono basata su questo tutorial, da cui in particolare ho preso il cartamodello che vi invito a scaricare e stampare (ci sono già le taglie predisposte).

Qui trovate il VIDEO tutorial, più in basso il procedimento con foto.



Occorrente:
Stoffa in cotone (io ho utilizzato tela a fantasia sul davanti e tela bianca dietro). È importante sia di cotone, per reggere lavaggi ad alta temperatura.
Flanella (o altro tessuto fitto o non tessuto a vostra discrezione, ricordando che deve reggere alte temperature)
Elastico (da mutande, cordino o da capelli)
Macchina da cucire
Ferro da stiro e taglia e cuci (opzionale)

Mascherine con flanella


1. Tagliare il cartamodello, e riportarlo con penna o gesso su un pezzo di stoffa per il davanti doppio, posizionato dritto contro dritto. Lasciare 1 cm di bordo intorno ai tre lati e 5 cm nel laterale:IMG20200313171651

2. Prendere il cotone per l’interno e la flanella, accoppiarli e piegarli doppi con il cotone all’interno. Riportare nuovamente il cartamodello, senza lasciare però bordo nel laterale

Cucire lungo la linea curva il centro della mascherina, sia lo strato esterno che quello doppio interno.IMG20200313213455
3. Solo per lo strato interno, segnare l’altra metà della mascherina sulla flanella, così da avere la sagoma intera.

4. (Opzionale) per rendere la cucitura più precisa, si possono effettuare tagli ravvicinati (facendo attenzione a non tagliare la cucitura) per permettere al tessuto di ripiegarsi meglio nel risvolto.IMG20200314143526
5. (Opzionale) aprire il tessuto con il rovescio verso l’alto e stirare facendo in modo che il bordo si pieghi da un lato. Cucire vicino alla cucitura iniziale, fissando il bordo in quella direzione. Ripetere anche per il retro della mascherina.

6. Accoppiare i due strati, dritto contro dritto, e cucire dalla parte della flanella i due lati lunghi. Risvoltare e se necessario stirare in posizione. IMG20200314102148

7. (Consigliabile) ribattere a macchina le cuciture, così da rendere più rigidi i bordi.IMG20200314102632Per quanto riguarda l’elastico, io trovo perfetto quelli per capelli, senza ferretto. Sono morbidi e già della dimensione giusta. IN alternativa, tagliare due pezzi da 18 cm di cordino elastico o elastico da mutande e cucirne le estremità creando due anelli.
8. Ripiegare due volte i laterali del davanti, inserire l’elastico e cucire

Mascherine con tascaIMG20200314174040Grazie all’apertura tra i due strati, potrete inserire filtri usa e getta (tessuto-non-tessuto, tutto panno carta, salviette asciutte o carta forno). In questo caso non tagliate la flanella, ma solo il cotone per il davanti e il dietro. Inoltre, lasciare 4 cm di bordo nel lato corto del lato dietro, per poter rifinire la tasca. (opzionale) si può rifinire il bordo del laterale del dietro con la taglia e cuci (o lo zig-zag della macchina da cucire), per rendere la mascherina più duratura.IMG20200313205513Procedere fino al punto 5. seguendo le indicazioni precedenti.6. Accoppiare i due strati, dritto contro dritto, ripiegare la tela che si ha sopra (e quindi lo strato interno della mascherina) fino al segno, e cucire i due lati lunghi. Risvoltare e se necessario stirare in posizione. 7. (Consigliabile) ribattere a macchina le cuciture, così da rendere più rigidi i bordi.Per quanto riguarda l’elastico, io trovo perfetto quelli per capelli, senza ferretto. Sono morbidi e già della dimensione giusta. IN alternativa, tagliare due pezzi da 18 cm di cordino elastico o elastico da mutande e cucirne le estremità creando due anelli.IMG20200314164414
8. Ripiegare due volte i laterali del davanti, facendo in modo di arrivare fino alla tasca ma senza sovrapporsi, inserire l’elastico e cucire. Spero di esservi stata utile, per qualsiasi dubbio contattatemi!

Gonne di riciclo

Lo so, vi ho già parlato di gonne , e della mia scelta di passare unicamente a questo tipo di abbigliamento modesto. Mi rendo conto però che il passaggio è sempre graduale, e talvolta siamo affezionati ad alcuni abiti, o semplicemente non è facile a livello economico stravolgere tutto il guardaroba. Come fare allora?

Come sempre i miei nuovi progetti nascono da idee strampalate, ma che prendono vita e sbocciano in soluzioni creative. Quando una cara amica mi ha chiesto di modificarle dei vecchi jeans inserendovi stoffa per formare una gonna, non ero convinta del risultato finale…. ma il risultato è stato sconvolgente, un capo unico!

IMG_20190110_095858_488 (1)

Abbinando la parte superiore del pantalone, si ottiene un  capo con chiusura e tasche già pronte, e della vostra taglia. Sotto, la stoffa a pieghe crea una gonna ampia e della lunghezza desiderata.

Visto il bel risultato, mi sono sbizzarrita trasformando tantissimi pantaloni, jeans, shorts, in gonne modeste e originali:

Avete vecchi pantaloni da trasformare? Sono qui per voi!

BONUS: Posso anche allungare minigonne o gonne comunque non abbastanza lunghe:

Custodia porta velo

Sulla scia delle custodie porta rosario ricamate, vi propongo ora le custodie porta velo muliebre.

IMG_20191029_095659

Chi, come me, indossa il velo muliebre per la santa Messa e ogni volta che si trova in chiesa, sa che portarlo in borsa insieme alle altre cose rischia di danneggiarlo: il pizzo purtroppo si impiglia facilmente. Come rimediare? Una piccola custodia fa al caso vostro, meglio ancora se realizzata a mano e con ricami delicati o religiosi. Può anche essere utilizzata per trasportare piccoli libretti devozionali, rosari, occhiali, e altri piccoli oggetti. Un regalo per ogni occasione, sarà graditissimo!

Proprio per risultare meno ingombranti possibili, sono realizzate in tre misure: per velo triangolare (16×10 cm), rettangolare (18×12 cm) o mantilla (20,5×13 cm).

Come sempre, li trovate in vendita anche nel mio negozio Etsy e Amazon

Eccovi alcune fantasie:

Custodia porta rosario

Da molto tempo produco rosari, e  cerco di diffondere questa pia pratica. Ma uno dei problemi più comuni (soprattutto da quando sono mamma e la mia borsa esplode di ciarpame) è proteggere la corona stessa, e non perderla in borsa. Ecco perchè quando una mia cara amica dalle mani d’oro si è proposta per realizzare delle piccole custodie ho subito esultato!

IMG_20191020_224049

Oltre a proteggere il vostro rosario, queste custodie sono delle piccole opere d’arte devozionali, ognuna ricamata a mano con simboli mariani. Sono idee regalo belle e utili.

Il bottone con asola elastica è perfetto per essere utilizzato con facilità e al contempo garantire solidità all’oggetto.

Bando alle ciance, guardate che meraviglia!

p.s. potete combinare l’acquisto di queste custodie con dei rosari all’ uncinetto , per bambini ,  o in pietre dure della fantastica Liberamente Gioielli!

Il mio laboratorio

Come promesso nell’ultimo articolo, in cui vi parlo dell’organizzazione delle mie giornate, vi mostro il mio laboratorio. Avendo finalmente a disposizione una stanza della nuova casa, ho cercato di organizzare in maniera efficiente e comoda tutti i miei attrezzi e materiali da lavoro. Ho mantenuto alcuni mobili originali di mio nonno (in quanto era appunto la sua stanza dei “ciapini”, delle attività), integrando con molti mobili ikea e soluzioni alternative per contenere e suddividere la minuteria, prendendo spunto da Pinterest e spendendo pochissimo.Fatemi sapere le vostre impressioni, domande e suggerimenti!P.s. abbiate pietà delle mie scarse doti cinematografiche, è il mio primo video!

Come mi organizzo?

Dopo la nascita del piccolo Bernardo mi sono presa un periodo per riposarmi, dedicarmi al nuovo arrivato e adattarmi alla nuova routine. Ma da un paio di settimane ho lentamente ricominciato a riaprire i negozi online e a pubblicare i prodotti sui social.

Molti di voi mi chiedono come faccia ad organizzarmi, barcamenandomi tra tutte le attività e avere tempo per ciascuna. Questa domanda mi stupisce sempre, perchè  non mi ritengo assolutamente una persona ordinata nè organizzata (mio marito mi sgrida sempre per il mio caos intrinseco).

In effetti però, elencando tutte le mie attività, mi rendo conto di essere impegnata in molte cose: faccio scuola a casa, sono artigiana, tengo incontri informativi, ho due figli, un marito e ovviamente sono anche casalinga.

Questo NON vuole essere un articolo autocelebrativo: come detto prima, penso ci siano persone molto più efficienti di me e non mi sento di insegnare a nessuno come migliorare la propria gestione famigliare o di vita. Sto solo soddisfando la curiosità di chi mi segue, e magari uno dei miei trucchetti potrebbe tornarvi utile (anche se ognuno è differente e quindi ha i propri modi di fare).

Ecco alcuni accorgimenti, probabilmente per voi banali, che nel corso degli anni ho messo in atto (e su cui ovviamente sto ancora lavorando):

  • ROUTINE: creare una routine (o almeno provarci), aiuta a trovare tempo per tutto. Ultimamente cerco di darmi degli obiettivi primari, e solo dopo averli raggiunti passo alle cose secondarie (che in caso di contrattempi possono slittare ai giorni successivi). Ad esempio, mi dedico ai bambini e quindi alla scuola a casa la mattina, poi dopo pranzo li metto a letto e, dopo aver un po’ riposato anche io  mi occupo degli ordini di MONNICrAft. Nel tardo pomeriggio sbrigo le faccende di casa o le commissioni in paese. Dopo cena cerco di rilassarmi, ma se ho cose urgenti da fare cerco comunque di non fare troppo tardi.
  • ORDINE: sebbene non sia una persona ordinata, ultimamente sto cercando di combattere la mia tendenza al caos. Ho notato che vivere e lavorare in un ambiente disordinato, oltre a far perdere tempo prezioso, mi rende meno serena e produttiva. Grazie al trasloco in una casa più grande, ho cercato di riorganizzare spazi e mobili nella maniera più efficiente possibile, e i risultati ci sono stati eccome! La casa è più bella, si pulisce e mantiene con meno sforzo. In particolare, avere finalmente un laboratorio è stato un grande passo avanti (ve ne avevo parlato QUI, ma penso di realizzare a breve un video per mostrarvelo bene). Riesco a lavorare in ogni ritaglio di tempo, lasciando sul tavolo gli articoli incompiuti, e ogni attrezzo o materiale ha il suo posto. Anche gli ordini vengono organizzati e gestiti su una lavagna, così da averne sempre traccia visibile.
  • SERENITA’: Mentre in passato mi davo obiettivi al di sopra delle mie forze per poi cercare di fare tutto sempre di corsa, ultimamente ho rallentato i ritmi, prediligendo un minor numero di impegni ma di qualità e priorità maggiore. Ho scoperto che…. il mondo girava lo stesso anche senza i miei sforzi da supereroe! Per quanto riguarda la mia attività, la maggior parte dei clienti sa che dietro MONNICrAft c’è un’artigiana, madre e moglie: i tempi di attesa leggermente più lunghi sono quindi comprensibili e a volte addirittura apprezzati ( l’oggetto che acquisti richiede tempo, precisione e cura). A livello famigliare una madre che casca dal sonno non può essere utile agli altri componenti, perciò per la sottoscritta il riposo è importantissimo.
  • FIDUCIA: l’ultimo punto ma il più importante, senza cui non credo potrei combinare molto. Fiducia verso il marito, perchè una coppia solida è la base di una vita serena e terreno fertile su cui coltivare le più svariate attività. Ma soprattutto Fiducia in Dio, che tutto vede e provvedeSto cercando sempre più di affidarmi alla Provvidenza nelle questioni importanti ma anche nelle piccole decisioni quotidiane, e non sono mai rimasta delusa. MONNICrAft è nata da un apparente evento negativo (la perdita del mio lavoro), ma ha portato un grande bene alla mia vita (e spero anche ai miei clienti, che possono trovare oggetti utili alla devozione). Anche nei periodi più difficili, affidandomi a Dio e affrontando tutto giorno per giorno, non ho mai trovato sfide più grandi delle capacità in mio possesso.

E voi, come vi organizzate?

IMG_20190831_170930
Rara foto in cui siamo tutti insieme e in tenuta elegante

 

Eccoci qua!

Vi presento il nuovo arrivato della famiglia, il piccolo Bernardo!

Si è fatto attendere, ma mi ha regalato un parto rapido e naturale, grande rivincita dopo il cesareo con il mio primogenito Leone.

La ripresa è stata rapidissima, e sono già all’opera con piccoli progetti (i negozi online di etsy e amazon rimarranno chiusi fino a fine agosto).

Proprio oggi ho realizzato alcuni bavaglini per il mio piccolino, e per l’occasione lancio un’offerta: BAVAGLINI ESTIVI A 3€, FINO A FINE MESE! Contattatemi per le fantasie disponibili

Un saluto dal piccolo modello 😉

Maternità

Dopo una gravidanza tanto desiderata e tanto goduta (grazie a Dio svoltasi finora nel migliore dei modi), è giunto per me il momento di rallentare per prepararmi alla nascita del piccolo Bernardo.

I negozi su amazon ed etsy sono già in vacanza, anche se rimango a disposizione per email o pagina Facebook per piccole richieste (in particolare per materiali in pronta consegna) per almeno le prossime due settimane.

Ringrazio di cuore chi mi segue, i miei clienti e amici per il continuo sostegno, e chiedo preghiere per affrontare l’imminente parto.

Spero di riprendere al più presto (dopo che la routine col nuovo nato sarà vagamente stabile).

Monica

Collage 2019-06-13 17_35_41